here downloads click here downloads 10 download Web Site downloads download 2012 download all time downloads homepage here

www.fidallazio.org

Notizie

Assoluti Master di Ancona: giornata di grandi risultati per gli atleti laziali

E-mail Stampa PDF

paola-tiselliPrima giornata dei campionati Italiani Master Indoor al Banca Marche Palas di Ancona e primi risultati di spicco per l’atletica laziale. In ambito femminile Antonella Faiola  si laurea campionessa italiana della categoria SF35. Per l’atleta della RCF Roma Sud il tempo di 10:35.35 che le vale il titolo. Nell SF 40 è Paola Tiselli la migliore della specialità con il tempo di 10:35.21. Fiorella Fretta (Romatletica) vince nella categoria SF65 con il tempo 14:22.55.

Terzo posto per Cinzia Barletta (Liberatletica) nei 3000 SF 55 in 12:04.12.

Marzia Zamboni (Liberateltica) è campionessa italiana del martello SF 50 con un lancio di 35.71 nella stessa gara Rosanna Rosati (Romatletica) è campionessa italiana della categoria SF55 con 34.73. Fra le SF 60 secondo posto per Carla Ricci (Liberatletica) nel peso con 7,66.

Fra gli uomini Adamo Fabrizio (Colleferro Atletica) è campione italiano SM 45 dei 3000 in 9:14.38,

Patrizio Sangermano (Roma Acquacetosa) è secondo in 9:09.94 fra gli SM 35. Nel lancio del martello mentre Sandro Sangermano (Roma XIII) conquista il titolo SM 60 scagliando a 37.79. Nella stessa gara SCM 80 due atleti del Cus Roma, Enzo Vittorioso e Giorgio Bracco sono primo e secondo rispettivamente con la misure di 24.24 e 23.54. Lo stesso tandem è sul podio, al secondo e terzo posto nella gara del peso  rispettivamente con le misure di 7.77 e 6.84.

Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014, il seminario “Dall’analisi biomeccanica della corsa alla pratica sul campo”

E-mail Stampa PDF

FIDAL LAZIO OKIl Cr Lazio della Fidal organizza, in collaborazione con il Centro Studi & Ricerche FIDAL e con il C.S. Esercito, sabato 22 e domenica 23 marzo 2014, il seminario “Dall’analisi biomeccanica della corsa alla pratica sul campo” per istruttori/allenatori con dibattito finale che permetterà ai partecipanti di porre quesiti sull’importante tema trattato.

Relatore Vincenzo De Luca, qualificato allenatore, specialista e docente.

Il corso è suddiviso in due parti, la prima teorica, che avrà luogo nella Scuola Tramat della Cecchignola, in Viale dell’Esercito 102, e la seconda pratica presso il Centro Sportivo C. S. Esercito in via degli Arditi 1

Questo ilProgramma del seminario:

Sabato 22 marzo: teoria:

ore 9:15  Accredito dei partecipanti e saluti autorità

ore 9:30  Apertura seminario: Emilio De Bonis FTR Lazio

ore 9:45   Vincenzo De Luca “Biomeccanica della corsa ( di velocità e di resistenza, sul piano e con gli ostacoli)” - prima parte

ore 12:00 Interventi da parte dei corsisti

ore 12:45 Pausa pranzo

ore 13:45 Vincenzo De Luca “Biomeccanica della corsa ( di velocità e di resistenza, sul piano e con gli ostacoli)” - seconda parte

ore 15:30 Interventi da parte dei corsisti

ore 16:00 Fine lavori

Domenica  23 marzo: pratica

ore 10:00  Vincenzo De Luca “Applicazioni pratiche del modello biomeccanico”

ore 13:30  Fine lavori  

Il seminario è valido per l’acquisizione di 0,5 crediti formativi per tecnici di atletica leggera.

Le iscrizioni potranno essere inviate, entro 19 marzo 2014 al seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Il costo per la partecipazione al seminario è di € 8,00 che saranno versati al momento dell’accredito.

Ultimo aggiornamento Sabato 08 Marzo 2014 01:35

Cordoglio per la scomparsa di Fabrizio Bellucci

E-mail Stampa PDF

FIDAL LAZIO OKIl Presidente  Lazio Marco Pietrogiacomi esprime il più sentito cordoglio a nome di tutto il Consiglio Regionale, per la tragica scomparsa di Fabrizio Bellucci, atleta della LBM Sport, che è venuto a mancare oggi al termine della RomaOstia.  Tutto il Comitato è vicino alla famiglia dello sfortunato atleta ed al presidente della sua società Gianfranco Balzano,consigliere del CR Lazio.

Prove Multiple Ragazzi/e la Ca.Ri.Ri. prima nelle due classifiche di squadra

E-mail Stampa PDF

biathlon marmoPomeriggio dedicato alle Prove Multiple indoor, riservata alle categorie ragazzi e ragazze quella che si è vissuto oggi nell’impianto della Polizia Penitenziaria di Casal del Marmo. In calendario la III Prova del Trofeo Invernale di Prove Multiple Indoor per le categorie Ragazzi e Ragazze.

Nella classifica finale maschile al comando troviamo la Studentesca Ca.Ri.Ri. che ha totalizzato 134 punti, segue vicinissimo l’Esercito Sport&Giovani ad una lunghezza di distanza mentre al terzo posto con 120 la Faratletica. Fra le ragazze ancora davanti a tutti la  Studentesca Ca.Ri.Ri. con 139, seconda con 122 la Libertas Castelgandolfo-Albano e al terzo l’Atletica Pomezia Auto 2000 con 119.

Nelle singole gare Irene Lupidi (Atl.Tarquinia 90) vince il biathlon 60mt+ peso ragazze, prima sia nella velocità con il tempo di 9.16 che con l’attrezzo da 2 kg scagliato a 9,35. Fra i ragazzi nella stessa specialità doppietta di due atleti della Sportrace, Roberto Mariani vince (8.94 e 8.75) davanti al compagno di squadra Lorenzo Piersanti (9.61 e 9,38). La miglior performance nel peso è di Marco Piccolini (Studentesca Ca.Ri.Ri.) con 10.79. Nel biathlon 60+ triplo femminile miglior punteggio per Emily Chiusolo (Sportrace) con 1328 punti conquistati (8.78 e 11,07) davanti a Laura Paparone (Olimpia Atletica Nettuno) che di punti ne ha conquistati 1195. Fra i ragazzi la gara viene vinta da Michele Cicconetti (Studentesca Ca.Ri.Ri.) che sprinta in 8.18 e plana nel triplo  a 10.78. Il compagno di squadra Emauele Stepien, terzo assoluto) ottiene il miglior risultato con 11,31.

Passando al biathlon 60hs+peso è Maria Fringuelli (Asd Zona Olimpica Atl. Viterbo) ad imporsi con 1318 punti (10.78 e 8.98) davanti alla compagna di squadra Benedetta Felici che nelle due prove accumula 1195 punti (10.83 e 7,65).

Al maschile successo un altro atleta della società viterbese, Lorenzo Giuliano (11.13 e 10,99). D’altilia (Atl.Pomezia Auto 2000), secondo assoluto, è il più veloce sugli ostacoli con il tempo di 10.52.

Nel biathlon triplo+60hs ragazze prima Alice Ambrosi (Studentesca Ca.Ri.Ri) che ottiene complessivamente 1482 punti con 10,82 e 10.07 nelle due specialità, segue la compagna di squadra Sara Bianchetti (10,93 e 10.27) e 1465 punti.

Fra i ragazzi si impone Michele Esposito (Studentesca Ca.Ri.Ri.) che segna 11,45 nel triplo e 9.54 fra gli ostacoli, conquistando 1328 punti. Secondo posto, a soli 10 punti da Esposito, Lorenzo Simonelli (Esercito Sport&Giovani) che ottiene 11.80 nel triplo e 9,70 nei 60hs.

 

Il 15 e 15 marzo a Formia la Convention Nazionale dell'Atletica

E-mail Stampa PDF

fidal3Il 14 e 15 marzo il Centro di Preparazione Olimpica di Formia ospiterà la Convention Nazionale dell'Atletica riservata ai rappresentanti degli Organi Territoriali, a fiduciari e strutture tecniche regionali e a tecnici-allenatori  di atleti di "interesse federale". Il venerdì, l'apertura ufficiale sarà presenziata dal presidente del CONI Giovanni Malagò insieme al presidente FIDAL Alfio Giomi

Giovedì 6 marzo la FIDAL Lazio presenta il libro "La Guida" di Massimo Di Marcello

E-mail Stampa PDF

invito guidaGiovedì 6 marzo, presso la Sala Auditorium del Palazzo delle Federazioni del Coni di Viale Tiziano 74, alle ore 17,30, la Biblioteca Sportiva del CR Lazio, l’Associazione Sportive Sociali Italiane (ASI) e l’A.S.C.C.I. Roma Onlus, Associazione Sportiva Culturale Ciechi ed Ipovedenti presenteranno alla stampa ed al mondo dello sport la pubblicazione “La Guida”, opera di Massimo Di Marcello tecnico della nazionale della FISPES, la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, da sempre accompagnatore di atleti con disabilità visiva nelle loro performance agonistiche. Nel corso dell’incontro saranno presentare anche le iniziative della Biblioteca Sportiva del CR Fidal Lazio posta all’interno dello Stadio Nando Martellini.

Alla Studentesca Ca.Ri.Ri. lo scudetto dei CdS, le Fiamme Gialle prime fra gli assoluti

E-mail Stampa PDF

cariri 23Gli Assoluti Indoor di Ancona hanno ufficialmente decretato anche i vincitori dei Campionati Italiani Indoor di Società 2014 che, come già avvenuto nelle due ultime stagioni, premiano gli uomini della Studentesca CaRi.R.i e le donne della Bracco Atletica Milano. Gli scudetti si assegnano combinando in un'unica classifica i risultati dei CdS di categoria Allievi, Juniores, Promesse e Assoluti. Il sodalizio maschile reatino (leader anche tra le Promesse) ha prevalso con 169 punti su Atletica Vicentina (142) e Atl. Riccardi Milano (137). 

Per quello che riguarda, invece, la sola categoria "Assoluti", successo degli uomini delle Fiamme Gialle (126 punti) su Aeronautica (103) e Carabinieri (60,5). A completare il podio assoluto femminile alle spalle della Bracco Atletica sono nell'ordine Fiamme Azzurre (69) ed Esercito (68). In chiave giovanile si erano già laureati campioni d'Italia gli allievi della Cento Torri Pavia imitati dalle under 18 dell'Atletica Bergamo 1959 Creberg; titoli juniores ai lombardi dell'Atl. Lecco-Colombo Costruzioni e alle capitoline dell'Acsi Italia Atletica.

 

Cross Master: dopo due prove chiudono in testa Romatletica (Uomini) e Liberatletica (Donne)

E-mail Stampa PDF

cross master ostiaDopo due prove le classifiche del Campionato di società di Cross  Master chiudono al comando in ambito maschile la Romatletica  con 657 punti, davanti alla Old Stars Ostia che ne ha 651 e alla Giovanni Scavo 2000 che ne ha 591. Fra le donne primeggia la Liberatletica con 550 punti, al secondo posto Minerva Atletica con 459 e la Giovanni Scavo 2000 che ne ha totalizzati 501.

Nella classifica di tappa la Old Stars Ostia vince la classifica maschile con 348 punti e precede Romatletica che ne ha totalizzati 341, terzo posto per la Giovanni Scavo 2000 con 330. In ambito femminile prima ancora la Liberatletica con 280 punti davanti alla Romatletica, che ne ha guadagnati 263, segue la Pol.Roma XIII con 242.

Questa la situazione dopo le gare che si sono svolte oggi ad Ostia. Nelle singole prove nella categoria SM35 sui 6km del percorso si è imposto Patrizio Sangermano (Romacquacetosa) che ha completato in 19:53 battendo in volata Marco Quaglia (Top Runners Castelli Romani) secondo in 19:56. Al terzo posto Umbertino Piacentini (Colleferro Atletica) con il tempo di 20:06. Fra gli SM40 successo a Alessandro Eleuteri (RCF Roma Sud) che chiude in 20:46 staccando i più immediati inseguitori Vincenzo Ciurleo (Roma Road Club) il cui tempo è stato 21:07, e Gianluca Boccanera (Giovanni Scavo 2000) che ha finito in 21:42. Negli SM45 successo a Fabrizio Adamo (Colleferro Atletica) nell’eccellente tempo di 19:33, poi Fabio Solito (Fartek Ostia) in 19:49, sul podio anche Luigi Zavini (Romatletica) in 20:22. Fra gli SM50 il migliore è stato Ugo Guerra (Rifondazione Podistica) primo in 20:16 in un finale esaltante che ha visto piazzarsi secondo Salvatore Nicosia (Old Stars Ostia) in 20:25 e terzo, anche lui vicinissimo al primo posto, Tonino Felici (Run For Fun) in 20:31. Claudio Faraoni (Roma Road Runners Team) vince fra gli SM55 tagliando la linea del traguardo in 21 netti. Staccato giunge secondo Claudio Cavalli (Romatletica) in 21:48, poi Roberto Caloni (Old Stars Ostia) in 24:02. Percorso di 4 km dagli SM60 in poi. In questa categoria il successo va a Mario Vaiani Lisi (Lazio Runners) che completa in 14:56, secondo Andrea De Lucia (Liberatletica) in 15:44 mentre può festeggiare il terzo posto Attilio Faricelli (Giovanni Scavo 2000) nel tempo di 15:56.

Fra gli SM65 si impone Mario Pipini (Old Stars Ostia) che vince la prova in 15:39, dietro di lui Sandro Stirpe (Colleferro Atletica) in 16:19 e Riccardo Forani (Giovanni Scavo 2000) in 16:36. Per completare le categorie maschile negli SM70 vittoria a Michele Ieva (Lazio Runners Team) in 16:18 che precede Giovanni Pietracupa (Giovanni Scavo 2000) al traguardo in 17:02 e Manuel Carrillo (Pol.Roma XIII) in 18:18.

Passando alle donne nella categoria SF35 il primo posto va a Antonella Faiola (RCF Roma Sud) che completa i 4 km in 13:57 lasciandosi alle spalle Virginia Petrei (Acsi Italia Atletica) che fa segnare il tempo di 14:09. Terza Annalisa Miacci (Colleferro Atletica) in 14:28. Tra le SF40 doppietta della Giovanni Scavo 2000 che piazza due atlete ai primi due posti. Prima Simona Vittori in 14:33 poi Germana De Renzi in 14:53. Terza Stefania Gabrielli (Cral Poligrafico dello Stato) in 15:17. Salendo di una categoria tra le SF45 successo alla fortissima Roberta Boggiatto (RCF Roma Sud) che fa segnare il tempo di 14:43, vittoria però conquistata con i denti su Barbara Mancini (Atletica dei Gelsi) che arriva vicinissima in 14:45. Al terzo posto Lorella Pagliacci (Tirreno Atletica Civitavecchia) che chiude in 14:57. Altra star del podismo capitolino Ewa Kepa (Romatletica) è prima fra le SF50. 15:02 il suo riscontro. Sul podio salgono anche Jocelyne Farruggia e Carla Van Kampen, entrambe della Giovanni Scavo 2000 che chiudono rispettivamente in 15:13 e 16:33. Passiamo alle SF55 che ha visto l’affermazione di Anna Patelli (Olimpia 2004) in 15:31, piazzate Patrizia Castellano (Atletica dei Gelsi) in 15:59 e Cinzia Barletta (Liberatletica) in 16:02. Si passa ai 3 km per le SF60 tra le quali si è imposta Anna Micheletti (Romatletica) in 13:41, poi Paola D’Orazio (RCF Roma Sud) in 13:47 seguita da Lucia Petrarota (Liberatletica) in 15:22. Nella prova delle SF65 Fiorella Fretta (Liberatletica) ha preceduto in 14:45 Mary Cumming (Giovanni Scavo 2000) che ha finito in 15:35 mentre Franca Zeppi (Roma XIII) è la miglior SF70 con il tempo di 18:13, dietro di lei Annunziata Cattaino (Minerva Roma Atletica) in 19:53.

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Febbraio 2014 01:02

Partecipazione ed eccellenti risultati nella manifstazione regionale di Formia

E-mail Stampa PDF

formiaIl restaurato impianto indoor del Centro di preparazione Olimpica di Formia ha ospitato oggi la seconda manifestazione regionale indoor organizzata dalla Poli Golfo, che ha visto in gara soprattutto gli atleti delle categorie giovanili.

Due atleti provenienti da Isernia hanno dominato la gara del lungo esordienti. Vince Andrea Melfi con 3,85 davanti al compagno di squadra Riccardo Varone che è atterrato a 3,45. Lo stesso Melfi è andato a prendersi il successo nei 50hs correndo la distanza in 9.98.

Valeria Pezzillo dell’Atletica Sabatina fa sua la gara del lungo femminile saltando 3,56, posto d’onore per la compagna di squadra Chiara Bistacchia con 9 centimetri in meno. Alessia Finego (Poli Golfo) è terza con 3,40.

Sugli ostacoli si impone la salernitana Annamaria Naddeo con 8.98 davanti ad Arianna Valeriano (Poli Golfo) con 10.40 e Miram Liguori (Sabaudia 2010) con 10.73.

Doppietta Poli Golfo nella prova dei 60hs ragazzi. Vince Andrea Di Marco che con 9.39 va nettamente al di sotto del suo precedente limite, lo segue il compagno di scuderia Gabriele Papa che finisce in 9.95.

Di Marco completa la sua grande giornata andando a prendersi anche la gara dell’alto superando quota 1,40, facendo anche qui meglio del suo personale precedente (1,37). Ancora un atleta della Poli Golfo al secondo posto, Luca Rinaldi, che supera quota 1,20, terzo Luca Rossato (Sabaudia 2010) che si ferma a 1,15.

Il molisano Luca Ciavone mette dietro di se tutti i laziali nel lungo imponendosi con 4,40. Posti d’onore a Andrea Maggiacomo (Poli Golfo) con 4,15 e a Luca Rossato (Sabaudia 2010) con 4,00. Fra le ragazze è Laura Paparone (Olympia Atletica Nettuno) che va a tagliare per prima il traguardo dei 60hs in 10.99, Angelica Torrico (Poli Golfo) è terza in 11.64. Laura Paparone si ripete nel lungo vincendo con un balzo di 3,86, che supera ampiamente il suo personal best, al terzo posto Licia Leccese (Poli Golfo) con 3,73

Leccese che poi va a prendersi la gara dell’alto con 1,28, misura che migliora di 3 centimetri il suo personale, poi la napoletana Virginia Silvano con 1,25 e l’altra atleta di casa Giorgia Rossini con 1,20.

Fra i cadetti Luca Barbieri (Roma 6 Villa Gordiani) piazza lo sprint vincente sui 60 metri andando a vincere in 7.54, un centesimo al di sotto del suo personal best, mentre Davide Scagnoli (Atletica Cecchina Al.Pa.) vince l’alto andando su fino ad 1,68, poi l’atleta della Poli Golfo Michele Annibale che supera l’asticella a 1,66.

Lorenzo Centracchio (Roma 6 Villa Gordiani) vince il triplo atterrando a 10,96, che vale anche a lui il personal best. Giuseppe Valente (Poli Golfo) è terzo con la misura di 10,16.

Nella velocità femminile ai primi due posti due atlete campane, Martina Spezzaferro che vince in 8.60 la gara dei 60 metri davanti a Giulia Conte che ferma il cronometro a 8.42. Prima delle laziali Agnese Pugliese (Olympia Atletica Nettuno) che finisce in 8.44.

Giulia Poeta (Atletica Cecchina Al.Pa.) supera l’asticella dell’alto a 1,55 e si aggiudica la prova. Al terzo posto Gloria Riccio (Poli Golfo) che va su fino a 1,35, Riccio che è terza anche nel triplo con la misura di 8,33.

Nelle gare assoluti lo junior Simone Poccia (Studentesca Ca.Ri.Ri.) sprinta sui 60 mt. in 7.22 davanti al napoletano Marco Cirillo che chiude in 7.25. Poccia si prende anche i 60 hs con il tempo di 8.23. Nei 60 femminile si impone la partenopea Mariaelisa Sannino con il tempo di 7.82 davanti alla reatina Simona Favoloso che completa in 8.31 mentre Giulia Rossato (Intesatletica) con 1,57 si impone nell’alto allieve.

Campionati Italiani Lanci: nel disco Di Renzo bronzo con il personale, si conferma Laura Bordignon

E-mail Stampa PDF

bordignon009Seconda giornata dei campionati di Lanci Invernali in quel di Lucca dedicati al lancio del disco. Si è iniziato alle 10 del mattino con la gara riservata alle categorie giovanili (allievi/juniores) che regala il terzo posto all’atleta delle Fiamme Gialle G. Simoni Alessio Di Renzo che ha lanciato a 50,55, più di tre metri oltre il suo personale con l’attrezzo di 1,750 kg. Il successo al veronese Giulio Anesa con la misura di 51,78.

Nella categoria assoluti femminile titolo all’esperta Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) che vince la prova con 53,49, al secondo posto la rappresentante dell’Esercito Valentina Annibali che proprio all’ultimo tentativo trova il lancio migliore che va a soli due centimetri dal primo posto.

Valentina D’Urzo (Studentesca Ca.Ri.Ri.)  si guadagna il bronzo della categoria promesse sparando a 45,66.

Secondo posto per Federico Apolloni (Aeronautica Militare) nella gara assoluti con 57,96 alle spalle del carabiniere Hannes Kirchler che vince con 58,53.

Il CR Lazio organizza un pullman per la trasferta ai Campionati Italiani di Corsa Campestre

E-mail Stampa PDF

FIDAL LAZIO OKIl CR Lazio, in occasione della trasferta che dovranno affrontare le società laziali in occasione dei Campionati Italiani di Corsa Campestre, in programma a Nove (Vicenza) domenica 9 marzo,  organizzerà il trasporto deglii atleti e dei loro accompagnatori con un pullman che partirà da Roma ed effettuerà un paio di fermate in prossimità dei caselli autostradali che verranno utilizzati come punti di raccolta di tutti coloro che aderiranno all'iniziativa. Tale iniziativa è volta all'abbattimento dei costi a carico delle società e contemporaneamente potrà essere un simpatico e coinvolgente momento di aggregazione per tutte le realtà del mezzofondo laziale.

A tal proposito le società interessate potranno prenotarsi, versando un contributo di 45 Euro a persona effettuando la mail di autorizzazione per scalare l'importo dal conto online della società oppure attraverso bonifico bancario. Le società che avessero necessità di partire il venerdì per partecipare alle staffette possono farne richiesta entro il 25 febbraio. Il servizio verrà assicurato al raggiungimento di 40 partecipanti. Per la sistemazione alberghiera le società possono interpellare direttamente il Comitato Organizzatore che poi garantirà il trasporto in navetta dall'hotel all'impianto di gara. Il pullman organizzato dal Comitato Regionale accompagnerà gli atleti al proprio hotel all'arrivo  e poi partirà, al termine delle gare, direttamente dall'impianto sportivo. Il referente organizzativo è Roberto Di Cola cell. 349.6435676 mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  o presso il CR Lazio il martedì o il giovedì mattina presso "organizzazione gare. Scadenza della prenotazione il 25 febbraio.

Impianti di atletica: la Fidal Lazio allarga le tariffe agevolate ai tesserati degli EPS

E-mail Stampa PDF

FIDAL LAZIO OKIl Comitato Regionale Fidal Lazio è lieto di comunicare che, a seguito dei colloqui intercorsi con l’Assessore allo Sport e alla qualità della vita di Roma Capitale, ed entrando contemporaneamente in vigore dal 1 febbraio la nuova convenzione che regola i rapporti tra Fidal ed Enti di Promozione Sportiva, ha deliberato di equiparare le tariffe degli ingressi gestiti direttamente dal CRL (Paolo Rosi, Nando Martellini e Pasquale Giannattasio), dando l’opportunità a tutti i tesserati degli Enti di Promozione Sportiva di usufruire delle stesse agevolazioni sin qui riservate in esclusiva ai tesserati Fidal.

Queste le tariffe in convenzione:

Abbonamento annuale

€ 30,00 nati/e negli anni dal 2003 al 2008

€ 50,00 nati/e negli anni dal 1995 al 2002

€ 80,00 nati/e negli anni 1994 e precedenti

Ingresso giornaliero € 2,00 

Meucci e Straneo campioni italiani di mezza maratona, in evidenza Veronica Inglese

E-mail Stampa PDF

veronica ingleseDaniele Meucci (Esercito) e Valeria Straneo (Runner Team 99 SBV), sono i Campioni Italiani assoluti 2014 di mezza maratona. I due azzurri si sono imposti a Verona 1h02:44 e 1h09:45. Buone indicazioni per il tecnico azzurro Magnani in tutte le categorie. In ambito femminile alle spalle della campionessa piemontese  l’altra atleta di punta del podismo italiano Anna Incerti  (Fiamme Azzurre) seconda in 1h10:10 seguono le tre atlete dell’ Esercito, l’emergente  Veronica Inglese, all’esordio sulla distanza che ha finito in 1h11:24, capace di precedere, dopo averla rimontata,  la compagna di club Nadia Ejjafini al traguardo in 1h12:19. A seguire, Laila Soufyane in 1h13.41.

 

Presentata in Campidoglio la 40^ edizione della RomaOstia

E-mail Stampa PDF

il presidente della RomaOstia Luciano Duchi con il Presidente della Fidal Alfio GiomiPrestigioso vernissage per la 40^ edizione della  RomaOstia che si correrà il prossimo 2 marzo. Una tradizione che si rinnova ed una storia che deve scrivere ancora pagine importanti. In passato tutti i grandi atleti italiani degli ultimi quaranta anni l’hanno corsa, dall’estero la guardano con attenzione. Tra i master è diventato un must: giungono da tutta Italia, visitano Roma oppure arrivano il sabato pomeriggio e ripartono appena terminata la gara. Il lunedì in ogni caso, si ripresentano alla vita di ogni giorno, con la loro meritata medaglia di partecipazione tornano a fronteggiare le loro difficoltà, comuni a tanti in questi periodi così complicati e ripensano alla fantastica domenica che hanno appena trascorso.

Hanno corso la RomaOstia, la regina delle mezze maratone italiane. Hanno migliorato il loro personal best oppure l’hanno visto sfumare di pochi secondi, hanno corso al fianco di un amico lungo tutto il percorso dopo mesi di allenamento comune, oppure si sono lasciati trasportare dalla compagnia di un sorridente e vociante gruppo di pace-maker. Sorridono, sognano e non vedono l’ora che sia ancora RomaOstia. Questo succede dal 1974 ed ogni anno tutto è sempre ancor più travolgente.

Per la quarantesima volta si correrà lungo Via Cristoforo Colombo, verso il mare. Al via dei ventuno chilometri e novantasette metri più prestigiosi dell’atletica italiana sono attesi oltre 13.000 atleti. Tra questi, ben 1.175 sono stranieri, dato quest’ultimo particolarmente significativo se viene letto in termini di incremento percentuale (+40%) rispetto al 2013.

A fare gli onori di casa nella mattinata dedicata alla presentazione è stato l’Assessore alla Qualità della Vita, Sport e Benessere di Roma Capitale Luca Pancalli: “Sono onorato di poter sedere a questo tavolo insieme a uomini di sport di così alto valore” ha esordito Pancalli, “Ringrazio Luciano Duchi e tutto il Comitato Organizzatore per il lavoro e la determinazione con la quale hanno portato avanti i loro obiettivi dal 1974 ad oggi”.

“La Passione che c’è dietro questa organizzazione mi ha affascinato veramente tanto”, continua Pancalli, “è una passione che fa emergere nitido il legame profondo che c’è tra lo sport e il mondo amatoriale, devo fare i complimenti a Luciano Duchi, complimenti sinceri e pubblici, per aver realizzato tutto questo e aver creato una squadra che sa essere squadra vera e di cuore”.

“Vedo nella RomaOstia un evento che sa sfruttare lo sport” sostiene l’Assessore e Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, “questo è un concetto a me molto caro perché sostengo che lo sport consente di veicolare innumerevoli messaggi, con estrema sintesi e molto meglio di tanti moderni sistemi di comunicazione, e poi lo sport, soprattutto, può essere un veicolo di crescita per il territorio. La RomaOstia oltre ad essere un grande evento di atletica è un grande evento di sport proprio per questi aspetti. Dobbiamo essere orgogliosi della RomaOstia.”

A Pancalli ha fatto eco Il Presidente della FIDAL Alfio Giomi che non ha esitato ad evidenziare le qualità della manifestazione dopo un applauditissimo tributo ad Abdom Pamich: “Vorrei iniziare il mio intervento chiedendo a tutti un grande applauso per Abdom Pamich”, ha esordito Alfio Giomi, “La sua medaglia Olimpica è un qualcosa che va celebrato ogniqualvolta capita l’occasione”. “Condivido quanto sostiene Luca Pancalli e il suo pensiero in questa fase si coniuga perfettamente con l’ambizione della FIDAL di creare un circuito nazionale delle grandi corse su strada”, continua Giomi, “il dovere della Federazione è quello di creare attività e monitorare quanto viene svolto, ecco la FIDAL lavorerà per creare dei circuiti e soprattutto delle sinergie tra il grande patrimonio di organizzatori che abbiamo dal nord al sud dello stivale”.

Per il secondo anno consecutivo la RomaOstia è stata insignita della IAAF Gold Label, il massimo alloro che la Federazione di Atletica Leggera Mondiale può assegnare ad una gara di corsa su strada. Tale riconoscimento può essere vantato solo da altre cinque mezze maratone in tutto il mondo: Praga, Bogotà, le due portoghesi di Lisbona e, da quest’anno, dalla new entry cinese Yangzhou. Tra le grandi maratone, la IAAF Gold Label è nella bacheca di quelle di di New York, Londra, Berlino, Chicago, Boston e Roma.

“L’etichetta d’oro” premia la capacità di un comitato organizzatore di saper creare un evento che sia fruibile a tutti, partecipato da atleti provenienti da tutto il mondo, rispondente ai requisiti qualitativi, commerciali e pubblicitari richiesti dalla Federazione Internazionale e che si coniugano con le esigenze del mercato della comunicazione e del marketing moderno.

Gli eventi insigniti della Gold Label devono soprattutto essere in grado di presentare al via un parterre composto dai migliori specialisti della corsa su strada, per realizzare una sintesi perfetta di qualità e quantità.

La RomaOstia ha da sempre offerto alla “grande quantità”, anima della manifestazione, l’occasione di esprimere tutta la sua “qualità”, non limitando questa possibilità unicamente all’elite della corsa su strada. Ciò è possibile soltanto attraverso lo studio costante delle migliori soluzioni che garantiscano servizi e benefits di primo livello, unitamente ad un percorso concepito per la realizzazione della migliore performance tecnica.

“La IAAF Gold Label che ci è stata assegnata per la seconda volta è un segnale evidente del successo che la RomaOstia rappresenta” sostiene Luciano Duchi, “la nostra gara non offre un percorso carico di storia, ma quarant’anni di storia carichi di passione e serietà organizzativa. Il segreto è tutto qui”.

“Roma è una città fantastica che tutto il mondo ci invidia. Stiamo sviluppando un progetto che coinvolga tutte le maratone che si svolgono nelle città d’arte. L’ambizione è di avere su Roma una grande squadra con un unico obiettivo. Mi sento in dovere di creare questa grande rete”.

Il cast degli elite runners è ancora una volta assolutamente rappresentativo del valore e della storia della manifestazione. Gli atleti selezionati da Gianni De Madonna e da Adidas contribuiranno una volta di più a dar lustro al nome della RomaOstia sul palcoscenico dell’atletica mondiale.

Nella gara maschile, favoriti d’obbligo i keniani Robert Chemosin e Simon Cheprot,  protagonisti nell’edizione 2013 di una entusiasmante volata per il podio risoltasi in favore del primo per un solo secondo; 59:19 e 59:20 rispettivamente il tempo fatto registrare dai due atleti e personal best per entrambi sulla distanza! Altro duello a suon di prestazioni di accredito quello tra altri due keniani: Kiprop Limo, 59:55 realizzato alla RomaOstia 2012 e Titus Masai, con un personal best di 59’51’’ ottenuto nel 2010 a Rak (UAE) e tante mezze corse in questi ultimi due anni a ridosso dei 60. Come antagonista al dominio degli uomini degli altopiani, fari puntati sull’etiope Shami Abdulhai, 60:44 il suo best sulla mezza e quarto in ottobre alla maratona di Amsterdam in 2:08:02.

Nella gara femminile, in evidenza le keniane Sharon Cherop, che si presenta con un best sulla distanza di 67:08 realizzato nel 2011 alla New Delhi Half Marathon ed un probante 2:22:28 che gli è valso la seconda piazza alla Berlin Marathon 2013 e Caroline Chepkwony, vincitrice della Ljubljana Marathon 2013 in 2:27:27 con all’attivo un personal best sulla mezza maratona di 68:36 alla Berlin Half Marathon 2012.

Anche in questo caso la sfida tra le due keniane potrebbe essere avvalorata dall’inserimento dell’atleta turca di origine etiope Elvan Abeylegesse, uno dei palmares più ricchi tra le atlete ancora in attività: argento a Pechino 2008 sui 5.000 e 10.000, oro agli europei di Barcellona 2010, personal best sulla mezza nel 2010 a Ras Al Khaimah (UAE) in 67:07 ed esordio in maratona nel 2013 ad Istanbul dove ottiene 2:29:30.

Come alfieri dell’atletica di casa, nella mezza maratona più partecipata dagli atleti italiani, saranno al via l’aviere Domenico Ricatti, autore nell’anno 2013 della seconda prestazione italiana in maratona con il 2:15:17 realizzato a Padova e secondo italiano alla RomaOstia 2012 in 64:03 ed il Carabiniere Denis Curzi, atleta dai grandi trascorsi azzurri e terzo italiano al traguardo della RomaOstia 2013 in 63:17.

In campo femminile saranno al via due atlete già vincitrici della gara nel recente passato: la palermitana Anna Incerti, atleta delle Fiamme Azzurre, prima nell’edizione 2011 e seconda italiana nel 2012 in 68:18 e la maratoneta pugliese Rosaria Console (personal best 69:34), porta colori delle Fiamme Gialle e vincitrice dell’edizione 2005.

Altro nome altisonante dell’atletica italiana al via sarà quello di Abdon Pamich. La medaglia d’oro sulla cinquanta chilometri di marcia a Tokyo ’64, dall’alto dei suoi ottant’anni, ha ufficializzato la sua partecipazione, come marciatore, alla RomaOstia. Come fu nel 1974, quando è stato il primo medagliato olimpico e il primo (ed unico) alfiere azzurro al via nonché il primo a tagliare il traguardo marciando (fu 37° assoluto). Pamich torna alla RomaOstia per misurarsi dopo quarant’anni da quella prima esperienza che tanto lo appassionò.

Per Adidas, sponsor tecnico dell’evento, è intervenuto il direttore marketing Italia Pietro Zarlenga: “Non ho paura di dire che Adidas è il brand sportivo numero uno del mondo” ha detto Pietro Zarlenga, direttore marketing di Adidas Italia, “siamo orgogliosi di essere partner di questo grande Comitato Organizzatore, la RomaOstia è la prima mezza maratona italiana e una delle più importanti d’Europa; negli ultimi anni la notorietà e la qualità della RomaOstia è cresciuta ed è ancora in crescita”.

“Per questo abbiamo deciso di rinnovare il contratto di sponsorizzazione per altri tre anni per continuare a scrivere pagine importanti di questo grande successo”.

Relativamente al percorso, la collaborazione della Polizia Municipale di Roma Capitale, ha reso nuovamente possibile la conferma del tracciato delle ultime tre edizioni, introdotto appunto nel 2011. Questo percorso ha ricevuto lodi e complimenti dai migliori esperti mondiali della corsa su strada oltre che da atleti e addetti ai lavori di ogni tipo: si partirà a pochi metri dal semaforo posto all’incrocio tra via Cristoforo Colombo e viale dell’Umanesimo in direzione del centro di Roma, contromano rispetto alla normale viabilità. Superato il ponte sul laghetto dell’Eur e l’incrocio con viale America si svolterà a sinistra su viale Europa. Percorsa interamente la via più importante del quartiere e giunti a ridosso della scalinata della Basilica dei Santi Pietro e Paolo, si svolterà nuovamente a sinistra su viale Tupini dove si costeggerà la sponda ovest del laghetto e la storica sede della ex Banca di Roma. Poco dopo il percorso devierà leggermente su viale dei Primati Sportivi fino all’incrocio ed alla necessaria terza svolta, con viale Oceano Pacifico. Giunti allo storico punto di partenza delle prime edizioni della RomaOstia “in versione mezzamaratona”, al limite della recinsione che fu del vecchio Velodromo Olimpico di Roma ’60, i podisti saranno prossimi a giungere di nuovo su via Cristoforo Colombo che percorreranno poi fino alla famosa Rotonda dove, poco prima di una “chicane tecnica”, necessaria per allineare il flusso della corsa alla viabilità stradale e allestire la zona di arrivo, è collocato il traguardo.

Durante la conferenza stampa è intervenuto l’Ingegnere Renato Papagni, presidente dell’Assobalneari di Roma, che riguardo al legame tra Ostia e la RomaOstia ha voluto evidenziare un suo pensiero: “L’Assobalneari è da anni al fianco della RomaOstia con il cuore”, dice l’ingegnere Papagni, “Ostia è l’affaccio sul mare della Capitale e Assobalneari crede nell’indotto che il sistema sport può portare alla città. La RomaOstia questo l’ha capito quarant’anni fa”.

La partenza della gara verrà gestita scaglionando la massa dei partecipanti in diverse onde, che consente un transito più fluido di tutti i partecipanti sotto l’arco di partenza. Alle ore 9:10 partirà la gara paralimpica riservata agli atleti in carrozzina o hand-bike, alle 9:15 è prevista la prima grande onda della gara agonistica con in testa gli elite runners; dopo sette minuti, alle 9:22, partirà la seconda onda. Altri sette minuti ed a ridosso delle 9:30, sarà il momento della terza onda. Completerà il programma la partenza della gara non competitiva che verrà “sparata” alle 9:40.

Sui ventuno chilometri e novantasette metri della RomaOstia si sfideranno anche oltre 1000 imprenditori che prenderanno parte alla dodicesima edizione del Campionato Italiano Imprenditori di mezzamaratona. La BusinessRun, come l’ha battezzata il suo ideatore Lorenzo Tagliavanti, è promossa dalla Camera di Commercio e dalla CNA di Roma. Verranno premiati i primi tre business-men assoluti e le prime tre business-women assolute giunte al traguardo e poi i migliori tre divisi per ogni settore d’investimento: industria e servizi, artigianato, turismo e commercio,  agricoltura. Una vera e propria “corsa nella corsa” con classifiche di categoria che tengono conto sia dell’età degli atleti sia del settore del loro impegno professionale.     

Queste le parole di Tagliavanti durante la conferenza stampa: “Una volta gli atleti venivano presi in giro, la corsa era un fenomeno di nicchia. Oggi sono tutti innamorati della corsa e questo sport non conosce crisi”, sostiene Tagliavanti, “devo fare i miei complimenti al Presidente FIDAL Alfio Giomi perché, come lui, sono convito che lo sport, nello specifico la corsa, debbano creare circuito e circuiti”.

“La corsa è un grande allenamento per gli imprenditori perché fa bene alla vita dell’impresa e aiuta a vivere bene l’impresa”, ha detto il direttore della CNA di Roma e vice presidente della Camera di Commercio capitolina, “per questo dobbiamo ringraziare la RomaOstia e Luciano Duchi che hanno saputo offrire al mondo degli imprenditori il palcoscenico di un grande appuntamento internazionale per confrontarci anche nello sport che più ci appassiona”.

La quarantesima edizione della RomaOstia non ha dimenticato di coniugare il divertimento e la passione con la solidarietà e l’impegno sociale. Da anni il Comitato Organizzatore è impegnato a sensibilizzare tutti i partecipati ad essere attenti ai richiami di importanti onlus e molti sono coloro che rispondono positivamente all’appello. Oltre alle donazioni spontanee degli atleti, anche per questa edizione la RomaOstia, sia con le iscrizioni della gara agonistica sia con quelle della gara non competitiva, si è collegata a quattro progetti di grande impegno sociale scegliendo quattro grandi organizzazioni no-profit: Comunità di Sant’Egidio, Special Olympics, Komen Italia Onlus e Telethon. Ecco una breve sintesi delle iniziative:

$1·         Insieme a Telethon la RomaOstia promuove la campagna “Walk of Life” perché il comitato organizzatore della mezzamaratona più partecipata d’Italia crede che questa iniziativa sia un modo molto efficace per proiettare i podisti nel mondo delle difficoltà che la ricerca vive nel nostro paese;

$1·         insieme a Komen Italia Onlus il Gruppo Sportivo Bancari Romani è in prima linea nell’organizzazione della famosa Race for the Cure che ormai fa tappa fissa a Roma ogni anno a maggio e che raccoglie fondi per la ricerca sui tumori del seno;

$1·         Con la Comunità di Sant’Egidio la RomaOstia sostiene l’organizzazione del contest musicale “Play Music Stop Violence”. Giunto alla seconda edizione, PMSV è un concorso riservato a piccole e giovani band musicali romane il cui obiettivo la dice lunga: cambia il mondo con la tua musica!

$1·         Con Special Olympics Italia la RomaOstia è in prima linea al fianco dei migliori talenti sportivi della nostra nazione: La RomaOstia sostiene la campagna Adotta un Campione. I contributi raccolti vengono destinati alla preparazione e alla partecipazione dei più forti atleti Special Olympics alle maggiori competizioni nazionali e internazionali.

Ogni iscritto, senza alcun costo aggiuntivo, ha devoluto un euro della sua quota di iscrizione ad uno di questi quattro progetti: “è bello annunciare che a questo  contributo fisso, molti atleti hanno deciso di aggiungere una loro ulteriore offerta volontaria” evidenzia Luciano Duchi, ideatore della RomaOstia, “ e queste donazioni volontarie sono decisamente aumentate rispetto allo scorso anno”.

Nel corso della presentazione è intervenuta anche Svetlana Celli, presidente della Commissione Sport di Roma Capitale: “Voglio fare un grande applauso a tutte le donne che prenderanno parte alla RomaOstia”, ha esordito la Celli, “sono in sintonia con tutti gli interventi che mi hanno preceduto: lo sport è un grande volano per lo sviluppo e la crescita della società. Ma bisogna avere l’attenzione di convogliare idee e messaggi validi al suo interno. La RomaOstia è stata una grande idea, talmente grande che ancora oggi lo è.”.

Tutti possono vivere l’entusiasmo ed il fascino della RomaOstia partecipando alla Euroma2Run, la gara non competitiva di cinque chilometri abbinata, dal 2011, alla corsa agonistica. La Euroma2Run è organizzata con la collaborazione di Adidas, che fornisce per tutti i partecipanti una bellissima maglia tecnica ed organizza diversi appuntamenti di allenamento collettivo presso i suoi punti vendita di Roma, il tutto con la partecipazione del Centro Commerciale Euroma2 che accoglie nei suoi spazi l’arrivo della gara.

Nel 1974, e nelle successive prime storiche edizioni, la connotazione prettamente popolare della RomaOstia era determinata dalla grande gara non competitiva nella quale i romani, di ogni genere ed estrazione, si cimentavano con grande partecipazione. Vere e proprie sfide tra scuole, circoli ricreativi e aziende hanno scritto le prime pagine della manifestazione permettendo a tutti di avvicinarsi al mondo del podismo e dell’atletica. Il taccuino di Luciano Duchi riporta tantissimi dettagli riguardo, per esempio, alla grande sfida tra gli istituti scolastici che facevano a gara, sotto il fondamentale coordinamento dei professori di educazione fisica, nel portare più atleti al traguardo; ai tanti atleti velocisti o lanciatori che per una mattinata si improvvisavano mezzofondisti; ai professionisti di ogni tipo e livello che dopo una settimana di lavoro si ritrovano a confrontarsi con la corsa; su cani e padroni in corsa insieme… tante piccole “vignette” di una Roma  e di un’Italia dell’austerity che avevano tanta voglia di correre. “La stessa voglia di correre che si respira oggi in strada” dice Luciano Duchi, “ormai la corsa è un fenomeno di massa, nettamente maggiore di quanto non lo fosse negli anni ’70; la RomaOstia e i circuiti che si sono creati intorno all’organizzazione dei grandi eventi come il nostro ne sono la testimonianza più tangibile”. “Ormai la corsa si coniuga con le necessità della vita” continua Duchi, “Non è una moda, la corsa sta diventando piuttosto una necessità di tanti, per stare bene, per stare con gli amici, per staccare la spina e divertirsi. Mi entusiasmo la sera quando vedo l’ombra di persone in maglia e calzoncini che corrono silenziosi, oppure la mattina quando realizzo che qualcuno si è svegliato molto prima di me per andare a correre. Mi piace pensare che tutti si stanno allenando per la RomaOstia, ma mi piace altrettanto pensare che dentro di loro pulsa una grande passione”.

Le iscrizioni alla Euroma2Run chiuderanno il 1° marzo 2014. Ci si può iscrivere collegandosi al sito www.romaostia.it oppure, durante i giorni di apertura, recandosi direttamente presso Casa RomaOstia al Salone delle Fontane all’EUR. Sono attese al via numerose rappresentative di alcuni dei più importanti circoli e palestre della Capitale.

Tutti possono prendere parte alla Euroma2Run: il percorso ricalcherà i primi quattro chilometri della gara agonistica e prevedera’ l’arrivo all’interno del Centro Commerciale Euroma2 dove, ad attendere tutti i partecipanti, ci sarà un ricco ristoro, una vivace animazione ed una bellissima medaglia di partecipazione. Ma il bello comincerà già prima della partenza (fissata alle ore 9:40), con una sessione di riscaldamento collettivo a ritmo di zumba che movimenterà tutto il Piazzale dello Sport e l’area di fronte il Pala Lottomatica.

Casa RomaOstia, la casa dei runners, la grande fiera espositiva sul running che anticipa la manifestazione, che fa da polo attrattivo per tutti i partecipanti e gli appassionati della gara, diventando la base operativa pre-evento per tutto il Comitato Organizzatore, aprirà le sue porte giovedì 27 febbraio dalle ore 15:00 alle 19:00, venerdì 28 febbraio dalle ore 10:00 alle ore 19:00 e sabato 1 marzo, per la giornata conclusiva, dalle ore 10:00 alle ore 20:00.

Il Salone delle Fontane dell’EUR sarà invaso da migliaia di podisti che dopo aver ritirato il loro pettorale potranno effettuare un lungo giro tra il serpentone di stands ed espositori che riempie il salone centrale, fare visita al grande stand dello sponsor tecnico Adidas ed infine ritirare la maglia e la gym sack ufficiale 2014.

Il palco di Casa RomaOstia, posto nella sala rialzata del Salone delle Fontane, sarà animato tutti i giorni con diverse presentazioni, dibattiti, cerimonie di premiazione e, per il pomeriggio di sabato 1° marzo, con una diretta esclusiva su Radio Dimensione Suono Roma, media partner di RomaOstia, che seguirà “live” anche la presentazione degli elite runners e dei pace-maker.

Ha preso la parola anche Luciano Ciocchetti, Presidente Onorario del Comitato Organizzatore della RomaOstia: “La mia amicizia con la RomaOstia è un qualcosa che custodisco come una cosa preziosa”, ha esordio il Presidente Onorario del Comitato Organizzatore, “Luciano Duchi è un fantasista e la sua RomaOstia è un evento esclusivo, al quale non si può mancare”. “Sono orgoglioso di far parte di questa squadra e credo che tutti i romani debbano essere orgogliosi della loro RomaOstia”.

“Sono sopreso, felice e lusingato per le parole di stima e apprezzamento che l’Assessore Pancalli ha rivolto alla RomaOstia e al suo Comitato Organizzatore; allo stesso tempo, mi sento motivato e pronto a sostenere quanto propone il Presidente Giomi”. Con queste parole ha iniziato il suo intervento Luciano Duchi, che poi ha continuato: ”una cosa di cui sono veramente orgoglioso è che nel 1974 il primo elemento da cui siamo partiti per organizzare questa manifestazione è stato: l’atleta. Oggi è la stessa cosa. La RomaOstia è di tutti e per tutti gli atleti”.

“Se c’è stato un vero miracolo nell’organizzazione della RomaOstia questo si è concretizzato nel creare una grande macchina organizzativa dove ancora una volta alla base ci sono degli atleti comuni che amano questo sport e che straripano di passione per la corsa”.

“Devo ringraziare l’Assessore Luca Pancalli e tutto il suo staff per il sostegno che ci hanno messo a disposizione e ringraziare il Presidente Alfio Giomi e tutta la sua grande federazione per il contributo che da sempre ci hanno offerto. Il merito della nostra secondo Gold Label è anche loro”.

Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, da sempre motore e anima di tutta la macchina organizzativa della manifestazione, si presenterà al via con una compagine composta da 1.300 atleti. Con molta probabilità questo sarà un risultato da guinness dei primati per un’associazione sportiva. “Chiedo a tutti i Bancari Romani di correre la RomaOstia mettendoci un qualcosa in più” esorta Luciano Duchi, “abbiamo bisogno della RomaOstia 2014 per ricordare il nostro amico Giuseppe Monti e per fare il tifo per il totale recupero di Andrea Moccia”. Due storie diverse ed angosciose che hanno offuscato ed intristito questi ultimi mesi di attività di tutto il GSBR e del Comitato Organizzatore della RomaOstia: “la scomparsa di Giuseppe Monti è stato un colpo forte per tutto il Gruppo Sportivo; ancora oggi mi illudo di poterlo incontrare la domenica mattina prima di ogni gara” continua commosso il patron della Roma Ostia, “per quanto riguarda il mio allievo Andrea Moccia, io sono il primo a fare il tifo per lui e per tutta la sua famiglia. Andrea è una parte importante del nostro gruppo sportivo e oggi sta correndo la sua maratona più difficile. Io sono al suo fianco e lui è costantemente parte integrante dei miei pensieri e delle mie preghiere da oltre cinque mesi”.

Da quarant’anni una passione intensa anima la RomaOstia; la passione dei padri che spontaneamente ed incondizionatamente si trasmette ai figli. Senza di questo la RomaOstia non esisterebbe. Senza RomaOstia, dal 1974 ad oggi, tante persone non si sarebbero innamorate dello sport più bello e più semplice del mondo.

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Febbraio 2014 09:08

Casal del Marmo: indicazioni importanti da allievi e cadetti

E-mail Stampa PDF

paoooooletAncora un’intensa giornata di gare sul pistino coperto dell’impianto della Polizia Penitenziaria di Casal del Marmo dove ancora una volta si sono ritrovati gli atleti laziali per una manifestazione volta a rifinire la preparazione in vista dei prossimi probanti impegni di categoria. Nei 60 cadetti Mario Marchei 7.31 in batteria e 7.33 in finale per l’atleta della Pomezia Auto 2000 che nella sfida decisiva ha battuto Luca Barbieri (Roma 6 Villa Gordiani) che ha finito in 7.58.Terza moneta per il reatino Matteo Giraldi con il tempo di 7.63. Nei 60hs della stessa categoria Matteo Di Panfilo (Pomezia Auto 2000) va a prendersi il primo posto in 8.63 andando molto vicino al suo personale. Ancora piazza d’onore per Luca Barbieri che è secondo in 9.17 poi Davide Scagnoli (Atletica Cecchina Al.Pa) in 9.45. Scagnoli si rifà nella gara dell’alto superando l’asticella alla prima prova ad 1,71 fallendo successivamente 1,73. Maicon Luzzi (Studentesca Ca.Ri.Ri.) si ferma ad 1,69. Mario Marchei protagonista anche nel lungo gara vinta con 6,67, misura ottenuta al quarto ed ultimo salto che migliora il suo precedente personale di ben 59 cm. Secondo posto per Ygor Almeida (Atletica Roma Sud) con la misura di 5.38, terzo Matteo Cimadon (Pomezia Auto 2000) con 5.08. In ambito femminile la gara di velocità vede il successo di Noemi Ruggeri (Olimpia Atletica Nettuno) in 7.92 prestazione che sigla il suo nuovo personal best. Valeria Simonelli (Romatletica) è seconda in 8.16 mentre Giulia Poeta (Atletica Cecchina Al.Pa.) chiude al terzo posto in  8.39. Emma Filauro (Atl. 90 Tarquinia) è prima sui 60hs cadette in 10.37 migliorando il proprio personal best. Stesso tempo per Elisa Galli (Roma 6 Villa Gordiani) anche lei sotto il suo precedente limite.Terza Francesca Mazzarotto (Atl.Pomezia Auto 2000) in 10.78. Alessandra Rossi (Studentesca Ca.Ri.Ri.) vince l’alto con 1,60, un centimetro meglio del suo precedente limite. Giulia Poeta (Atletica Cecchina Al.Pa.) è seconda con 1,58, poi Elisa D’Angeli (Studentesca Ca.Ri.Ri) ferma a 1,52. Nel lungo il successo va a Michela Ciufetti (Pomezia Auto 2000) 4,62 all’ultimo tentativo per superare Martina Turco (Studentesca Ca.Ri.Ri.) che con 4,51 già pregustava la vittoria. Terza l’antra atleta della Ca.Ri.Ri. Elisa Gani con 4,43.

Passando agli allievi successo con una bella zampata in finale di Andrea Vacca (Esercito Sport&Giovani) giunto in finale con il terzo tempo ma capace di chiudere l’atto conclusivo in 7.49. Al secondo posto il beneventano Federico Crisci in 7.52 qundi Marco Santi (Lazio Atletica Leggera) in 7.54. Nicolò Giacalone (Fiamme Gialle  G.Simoni) chiude i 60 ostacoli in 9,00. Nell’alto successo al fiorentino Francesco Cirillo con 1,73 poi Daniele Monellini (Fiamme Gialle) che supera 1,70. Marco De Luca (RCF Roma Sud) è primo nel lungo saltando 5,44 nettamente il suo primato personale. Damiano Gentili (Esercito Sport&Giovani) è secondo con 5,32 e Michele Bagalgini terzo con 4,92. Nel peso si impone Emanuele Bilancino (Intescatletica) con 12,86 davanti a Giorgio Bocci (Studentesca Ca.Ri.Ri.) con 12.34. Nei 60 femminili Alessia Gilardi (Atletica Oro) con 8.02, suo miglior risultato di sempre,  si toglie la soddisfazione di mettere in fila tre atlete della Studentesca Ca.Ri.Ri. Gaia Barison, Giorgia Scipioni e Chiara Mariantoni giunte rispettivamente in 8.08, 8.34 e 8.35. Doppietta Ca.Ri.Ri. nel lungo allieve. Prima Alessandra Antonacci con 5,31 e a seguire Federica Scappa con 5.11. Nella gara dei 60 metri uomini è il fiorentino Gianluca Beltramini ad imporsi correndo la finale in 7,05 mentre la finale degli junior ha visto al primo posto Chirstian Hristov (Olimpia Atletica Nettuno) con uno sprint che vale il tempo di 7.37.

Jessica Paoletta (Esercito) vince i 60 femminili con il tempo di 7.48

Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Febbraio 2014 02:07

A Ceccano spettacolo nel fango

E-mail Stampa PDF

collo fangoIl Campo di atletica A.Vespasiani di Ceccano ha ospitato una grande giornata dedicata al cross. In gara gli specialisti delle campestri sia per i Campionati Provinciali di Cross sia per i CDS di società Master.Le gare, a causa delle piogge dei giorni scorsi si sono svolti in un clima di grande agonismo su un percorso duro e pieno di fango.

Nelle gare giovanili i 1000 metri ragazze hanno visto la vittoria di Azzurra Morea (Atletica Lepina) con il tempo di 4,32, seconda posizione per Giada Barlecchini (Atletica Latina 80) che termina il percorso in 4,44 mentre al terzo posto Sara Del Brocco (Atletica Ceccano) che chiude in 5,16.

Nei 1500 maschili si è imposto Carlo Tavolerieri del Cus Cassino in 5,46, secondo Samuel Tersigni (Atletica Sora) con 6,05, poi Simone Grimaldi (Atletica Sora) in 6,45. Fra i cadetti che si sono battuti sulla distanza di 2000 metri Matteo De Santis ha chiuso in 6,31.

Ilaria Luciani, atleta della Atletica Sora ha vinto la prova cadette (1500 mt.) con il tempo di 5,47. 6,03 per Veronica De Paolis (Ciociara Antonio Fava) mentre terza è Danila Cancelli (Atletica Sora) con 7,32. Nei 5000 assoluti successo per IlariaTerzini (RCF Roma Sud) che con 22,04 ha preceduto la junior Marta Conflitti (Atletica Sora) al traguardo in 25,15 e Francesca Marotta (Cus Cassino) terza in 24,57. Fra gli uomini primo posto a Pasquale Caramanica (Giovanni Scavo 2000) con il tempo di 19,05, i punti però vanno agli atleti ciociari della Ciociara Antonio Fava Adriano De, Silvio Lepore, Marco Nardoianni, Valerio Schedi e Giovanni Proia che si piazzano nell’ordine dal 4 al settimo posto. Per effetto dei risultati di oggi la classifica del Campionato vede al comando l’atletica Ceccano con 56 punti, davanti a Ciociara Antonio Fava che segue con 43 e al Cus Cassino terzo con 23.

Nel campionato master nell’SM35 si impone sui 6 chilometri Umbertino Piacentini (Colleferro Atletica) in 20.54, nell’ SM 40 Diego Papoccia in 20,39, nell’ SM 45 Luigi Zevini (Romatletica) in 22,09, nell’ SM 50 Salvatore Nicosia (Old Stars Ostia) in 22,01, Claudio Faraoni (Roma Road Runners Club) in 22,25, Mario Vaiani Lisi (Lazio Runners Team) in 19,00 sui 4 km riserviati agli SM 60, Mario Pipini (Old Stars Ostia) in 19,08 negli SM65,  Giovanni Pietracupa (Giovanni Scavo 2000) negli SM 70 in 20,58.

Fra le donne Annalisa Miacci (Colleferro Atletica) è prima nelle SF 35 che chiude le sue fatiche sui 4 chilometri 18,39, Stefania Gabrielli (Cral Poligrafico dello Stato)  vince nelle MF40 in 18,41, MF 45 ad appannaggio di Barbara Mancini (Atletica dei Gelsi) in 18,40, Ewa Kepa è prima fra le MF50 in 19,20. Anna Patelli (Olimpia 2004) vince fra le MF55 in 19,05, fra le MF60 si impone Anna Micheletti ( Romatletica) in 22,06, la compagna di squadra Fiorella Fretta è prima fra le MF65 in 24,04 mentre Franca Zeppi (Roma XIII) è prima negli MF70 in 30,54.

Per effetto dei risultati odierni in testa alla classifica maschile di squadra troviamo la Romatletica con 335 punti, poi l’Old Stars Ostia con 320, terza la Giovanni Scavo 2000 con 287.

Fra le donne prima la Libeatletica con 278 punti, segue la Giovanni Scavo 2000 con 246 e terza con 239 l’AS Minerva Roma Atletica.

Formia ha riaperto all'atletica indoor con "Caccia al Minimo"

E-mail Stampa PDF

formiaLa Poligolfo ha avuto l’onore e l’onere di organizzare “Caccia al Minimo”, manifestazione che si ritaglierà un ruolo importante nella storia dell’atletica laziale e nazionale perché ha segnato la riapertura dell’attività del Centro di Preparazione Olimpica di Formia, restituito a nuova vita ed  in grado oggi di ospitare tutte le specialità di corsa e di salti. Dai ragazzi ai senior, in un momento in cui la stagione sta entrando nel vivo e l’occasione per tutti di fare la prestazione in vista degli ormai prossimi campionati italiani.

Miglior tempo e successo nei 60 ragazzi per Andrea Di Marco (Poligolfo) che si impone in 8.45 precedendo Luca Ciavone (Atletica Isernia) secondo in 8.65. Terza piazza all’altro atleta della Poligolfo Gabriele Paca con 8.82. Di Marco si ripete nel salto quadruplo con quattro balzi che gli valgono 12,60 davanti allo stesso Ciavone (11,94) e a Andrea Maggiacomo (Poligolfo) che ha saltato 11,68. Due atleti dell’Atletica Latina 80 ai primi due posti nel getto del peso da 2 chili. Si impone Nicholas Zanchetta il quale con 10, 69 fa il suo personale best e vince davanti a Andrea Camilotto (10,17). Terzo Emanuele Carli (Poligolfo) con 9.74.

Benedetta De Pasquale (Atletica Latina 80) va a prendersi il primo posto nei 60 metri con il tempo di 8,78 seguita da Angela Torrico (Poligolfo) seconda in 9.03 che precede Ludovica Giannursini (Studentesca Ca.Ri.Ri.) in 9.20.

Nel quadruplo ragazze è sempre Benedetta De Pasquale a mettere in riga le avversarie saltando 12,04. Greta Fraccio (Atletica Isernia) è al posto d’onore con 10,89. Terza Giada Barlecchini (Atletica Latina 80) con 10,58.

La molisana Francesca Di Tella vince il peso scagliando a 9,72, poi Alessia Erriquez (Studentesca Ca.Ri.Ri.) con 7,73 e Giada Barlecchini (Atletica Latina 80) con 6,81.

Parla napoletano la prova cadetti sui 60hs. Si impone il campano Diego D’Apote in 9.04 davanti ai corregionali Giuliano Finicelli (9.71) e Andrea Palma (10.19).

D’Apote e Palma ai primi due posti nella gara del lungo rispettivamente con 5,76 e 5,74. Al terzo posto troviamo Simone Iezzi (Atletica Latina 80) con 5,36.

Finicelli si impone invece nel peso con 11,53 ottenuto al primo lancio. Al posto d’onore l’onnipresente D’Apote con 10,07 e terzo Salvatore Massaro che ottiene 9,63.

Chiara Russo (Atletica Latina 80) sfreccia sui 60 hs in 10.39 poi Francesca Piccirilli (Ciociara Antonio Fava) in 11.48 e Irene Caranci (Atletica Isernia) in 11.92. Nel lungo la migliore è la salernitana Alice Corrado (Agropoli) che al terzo salto atterra a 4,64 precedendo Eleonora Russo (4,46) e Irene Caranci (4,39).

Due atlete dell’Atletica Aversano, Giorgia Romano e Lidia Quaranta sui due gradini più alto del podio del peso rispettivamente con 11,30 e 10,82. Prima delle laziali Fatima Guazzon (Poligolfo) con 7,19.

Il fiorentino Gianluca Beltramini vince i 60 uomini con 6.86. Posti d’onore per i campani Mario Longo e Marco Cirillo con 7.21 e 7.27. Nei 60 hs il beneventano Mirko Masullo con 8.45 vince il duello con Paolo Verdile (Roma Acquacetosa) che finisce in 10.16.

Fra gli allievi vince Mauro D’Ambra (Arca Aversano) in 9.00 alle sue spalle Roberto Barra (Intesatletica) che chiude in 9.08 e Nicolò Giacalone (Fiamme Gialle G.Simoni) in 9.16.

Lorenzo Rinaldi (Fiamme Gialle G. Simoni) è il migliore nel lungo con 6,48 davanti a Mauro D’Ambra che arriva a 6,04, e a Domenica Fioribello (Intesatletica) con 5,75.

E’ della perugina Elena Ricci la miglior perfomance sui 60 metri con 7.83, segue Giulia Salatino con 8.13 e Eleonora Fucci con 8.27.

Manuela Velecco della Fanfulla Lodigiana si impone sugli ostacoli fermando il tempo a 8.90, segue la stessa Elena Ricci in 9.11 e Anna Generali con 9.94.

La gara dell’alto, alla quale hanno partecipato atlete della categoria allieve, è vinta da Francesca Paolillo (Agropoli) con 1,56 mentre Giulia Rossato (Intesatletica) si ferma a quota 1,50, terza Sara Ammutinato (Poligolfo) con 1,30.

Firma d’autore nella gara del lungo con il successo con 5,43 di Valentina Kalmykova (Olimpia Atletica Nettuno), ai posti d’onore Olga Mykhalchenko (Vis Nova) che arriva a 5,13 e terzo posto a Anna Generali con 5,02.

Oggi e domani ad Ancona si assegnano i tricolori indoor Junior e Promesse

E-mail Stampa PDF

periniDopo le Prove Multiple a Padova, la stagione tricolore dell’atletica in sala si sposta ad Ancona che, oggi e domani, accoglie i Campionati Italiani Juniores e Promesse. Come ben noto, quest’anno le rassegne nazionali giovanili indoor vedranno assegnare i titoli nell'ambito di un unico evento per le categorie under 20 e under 23, mentre gli Allievi saranno in pista “autonomamente” per le loro medaglie il 15 e 16 febbraio sempre al Banca Marche Palas. Sarà così la ventesima volta, nella serie di 39 edizioni complessive, che il capoluogo marchigiano proclamerà i vincitori delle categorie Juniores (nati 1995/96) e under 18 (nati 1997/98). Tornando alle sfide dell’imminente week-end, i numeri delle iscrizioni parlano di 1116 atleti-gara in rappresentanza di oltre 180 società. Complessivamente saranno in palio 52 maglie di campioni d’Italia, 26 per le Promesse e 26 per gli Juniores che (come gli Allievi sette giorni dopo) si giocheranno anche quelle dei 200 metri che, a 9 anni di distanza, tornano a far parte del programma della rassegna giovanile al coperto. Diversi i nomi di punta annunciati a partire dalla campionesse europee Alessia Trost (Fiamme Gialle), oro under 23 nell’alto e già a quota 1,96 in stagione, e Ottavia Cestonaro (Forestale), vincitrice del triplo agli EuroJuniores 2013.Con loro anche altri due argenti “under” della passata stagione: Dariya Derkach (Aeronautica), vicecampionessa U23 del triplo e schierata anche nel lungo, e l’altista Erika Furlani (CUS Pisa Atl. Cascina), seconda ai Mondiali Allievi e che ha appena inaugurato il passaggio tra le Juniores con il personale migliorato a 1,85.

Sul rettilineo dello sprint da tenere d’occhio Gloria Hooper, bronzo agli EuroU23 sia nei 200 che con la 4x100 e campionessa d’Italia assoluta dei 100 metri. L'azzurra della Forestale, alla sua prima uscita in sala, è subito arrivata con 7.41 ad un centesimo dal personal best. Senza dimenticare l’astista Sonia Malavisi (Fiamme Gialle), terza agli Europei Juniores e recentemente issatasi a 4,32, e un altro medagliato della stessa manifestazione, l’argento dei 110hs Lorenzo Perini (Aeronautica) alle prese con il tricolore assoluto Hassane Fofana (Fiamme Oro) nei 60hs. Capitolo mezzofondo con i gemelli d’argento a Rieti2013 Lorenzo e Samuele Dini, neo arruolati in Fiamme Gialle e iscritti sia nei 3000 che nei 1500 delle Promesse con il primatista junior Emilio Perco (ANA Atl. Feltre). In quanto a record da seguire anche il pluriprimatista italiano del getto del peso under 18, Sebastiano Bianchetti (Studentesca CaRiRi) e la promessa Daniele Secci (Fiamme Gialle) che, a gennaio con gli attrezzi delle rispettive categorie, sono progrediti a 18,70 (6kg) e 19,25 (7,260kg).

Piazza di Siena ha ospitato la finale Provinciale degli Studenteschi di Corsa Campestre

E-mail Stampa PDF

studIn barba alle previsioni, un sole primaverile ha baciato la finale provinciale dei Campionati Studenteschi di Corsa Campestre che ha avuto luogo a Roma, in piazza di Siena. Con sorpresa e ammirazione, il presidente della Fidal, prof.re Alfio Giomi, ha assistito alle gare ed ha premiato gli atleti. E con lui, l’assessore allo sport di Roma Capitale, Luca Pancalli, l’amministratore delegato del CONI SpA, Alberto Miglietta, il presidente del CONI Lazio, Riccardo Viola, il dirigente dell’ufficio scolastico educazione fisica prof.re Antonino Mancuso, il presidente della Fidal Roma, Mario Biagini. Una festa di giovane sport che ha coinvolto 130 istituti e 1530 alunni delle scuole medie inferiori e superiori di Roma Capitale e della provincia, compresi gli alunni diversamente abili. Orgoglio della Fidal Roma e di tutta la federazione, nonché dell’amministrazione capitolina che ha visto partecipare all’attività, componente del processo formativo giovanile, un elevato numero di alunni, tenendo presente anche sei giornate di qualificazione. Cerimonia di apertura al suono di “Armi e Brio” eseguita dalla banda militare della Guardia di Finanza. Poi l’alzabandiera e l’inno d’Italia. Iniziano le gare e il folto pubblico ammira studentesse e studenti che corrono in agilità, in scioltezza con passo economico e funzionale. Subito si deduce che l’allenamento è stato rivolto a creare resistenza generale e forme di incremento cardio – respiratorie che sono indispensabili in questa specialità. Sono campioni: Giurie necessarie presenti in numero adeguato e svolto un lavoro attento e dinamico. Ben curato il servizio d’ordine, sanitario, crono. Premiati con decoro e solennità i primi otto di ogni categoria e i diversamente abili, un riconoscimento a quanti arrivati offerto dalla Centrale del latte di Roma, per far conoscere le gioie degli sforzi dell'atleta e le fatiche dell’insegnante ed invogliare sempre più alla pratica sportiva. Eccellente l’organizzazione con regia del comandante Di Paolo delle FF.GG. Il gruppo sportivo delle Fiamme Gialle ha tracciato e messo in opera il percorso, in larga parte visibile al pubblico, ha posizionato tende spogliatoio, gazebo, tavoli, sedie, ha fornito i trasporti ed ha dato informazione con speakers che hanno coadiuvato il consigliere fidal Roma Giuseppe Vasapollo. Presenti anche i consiglieri Michele Giove (fotografo), Rinaldo Brunetti e Maurizio Longega.

Risultati:

CATEGORIA RAGAZZE (1000mt): 1. Pompei Michela (V.le Venezia Giulia), 2. Caldarini Vivian (IC Castelgandolfo), 3. Cappiello Roberta (IC I. Montanelli);

CATEGORIA RAGAZZI (1000mt): 1. Saddi Giorgio (IC via Aquila Reale), 2. Aloise Admasu (IC E. Q. Visconti), 3. Gambino Gabriele (IC via A. Balabanoff);

 CATEGORIA CADETTE (1500mt): 1. Mallozzi Beatrice (IC via Volsinio), 2. Terrinoni Elisa (IC via Minucciano), 3. Crupi Ilenia (IC via E. Marelli);

CATEGORIA CADETTI (2000mt): 1. Manna Mattia (IC via Latina) della sezione giovanile "Fiamme Gialle", 2. Guerra Francesco (IC Frascati 1), 3. Adragna Manuel (IC via Latina);

CATEGORIA ALLIEVE (2000 mt): 1. Pompei Martina (ITIS G. Giorgi), 2. Asquini Valeria (IM M. Montessori), 3. Talamoni Claudia (ITC Lombardo Radice);

CATEGORIA ALLIEVI (2450mt): 1. Boraschi Diego (LS Morgagni), 2. Ciumacov Alexandru (IS Borsellino Falcone Zagarolo), 3. Cattabriga Valerio (LS Farnesina);

CATEGORIA JUNIOR F (2000mt): 1. Cerracchi Nicoletta (LS Innocenzo XII Anzio), 2. Prampolini Irene (LC Catullo Monterotondo), 3. Zepponi Eleonora (LS C. Cavour);

CATEGORIA JUNIOR M (2500mt): 1. Caroli Gabriele (IS via romana, Ciampino), 2. Giordano Cristiano (LS Volterra, Ciampino), 3. Lattanzi Davide (LS Farnesina)

 Da fidalroma.org

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Febbraio 2014 11:26

L'ASD Romatletica presenta un progetto per una scuola di atletica nell'XI Municipio

E-mail Stampa PDF

rapaccioniL’Associazione Sportiva Dilettantistica Romatletica di Claudio Rapaccioni e Anna Micheletti, stanno per dare vita ad una nuova, splendida, iniziativa che andrà ad incrementare la già importante offerta di avviamento all’atletica dei più giovani. Con il patrocinio del Comitato Regionale FIDAL Lazio la Romatletica sta per realizzare nell’ XI Municipio una scuola di atletica fruibile da tutti, a partire dai 6 anni di età fino ai 24 e oltre ai quali sarà organizzato un corso per l’attività amatoriale.

I partecipanti saranno suddivisi per fasce d’età secondo i seguenti criteri:

Anni 6/10 - Attività ludico-motoria

Anni 11/14 – Attività di pre-atletica

Anni 15/23 – Attività sportiva

Anni 24 e più – Attività amatoriale

Nelle intenzioni degli ideatori del progetto c’è la volontà di creare un punto di aggregazione e avviamento allo sport per vincere gli effetti negativi della vita sedentaria a cui siamo costretti, è necessaria una regolare attività fisica che comporta un percorso che prevede un passaggio dal benessere fisico all’efficienza fisica secondo tappe che non vanno forzate.

Offrire la possibilità di svolgere attività fisica come mezzo per mantenere il proprio stato di salute e l’atletica leggera come stimolo a mettersi alla prova e migliorarsi, promuovere interventi di sensibilizzazione alla corretta alimentazione, uno dei fattori fondamentali da tenere in considerazione per chi desidera condurre uno stile di vita sano ed attivo soprattutto praticando sport in età evolutiva.

La nascente scuola si avvarrà di tecnici diplomati, diplomati I.U.S.M., laureati in Scienze Motorie, tecnici qualificati della società affiliate alla FIDAL. Tutti i partecipanti saranno tesserati per la Federazione Italiana di Atletica Leggera e saranno coinvolti nell’attività agonistica regionale e provinciale.

La ASD Roma Atletica ha individuato sul territorio, considerato le strutture già esistenti per l’Atletica Leggera (rettilineo, pedana Salto in alto e del lungo), la scuola in Via Adeodato Ressi n° 34 ma prossimamente incontrerà l’Assessore allo Sport del Municipio XI ed i suoi collaboratori per procedere insieme ad un monitoraggio delle scuole e delle strutture esistenti per valutare la possibilità di trovare altri spazi, all’interno degli istituti scolastici, ritenuti idonei all’attività.

Altri articoli...

Pagina 5 di 53